immagine testata interna
Ora sei qui >> | HomepagePercorsiConoscereLe produzioni  

Le produzioni


In termini numerici (numero di aziende e di occupati) i comparti di produzione più rilevanti sono:

 

Oltre a questi ci sono altri comparti non meno rilevanti in termini di qualità e prestigio, ad esempio: materiali da costruzione-vetro; legno; prodotti in legno; mobili; pelli e cuoio; carta, stampa, editoria; gomma e materie plastiche; biomedicale.

 

Meccanica / Macchine e impianti

E' il comparto produttivo più consistente dell'industria dell'Emilia-Romagna: le imprese metalmeccaniche sono circa 1/4 delle aziende industriali della regione e danno lavoro a oltre 230.000 persone, equivalenti alla metà dell'industria manifatturiera. Il comparto metalmeccanico nel 2001 ha coperto circa il 50% dell'export regionale.

Macchine agricole
Nelle province di Bologna, Modena e, soprattutto, Reggio Emilia si concentra più del 60% delle imprese nazionali produttrici di macchine agricole, dai trattori alle attrezzature, ai motocoltivatori per giardini, ai relativi componenti.
Per maggiori informazioni: UNACOMA

Macchine automatiche
In Emilia-Romagna è presente circa il 50% delle aziende italiane che producono macchinari per l'imballaggio e il confezionamento di alimenti, medicinali e sigarette. La produzione, concentrata principalmente a Bologna, è molto orientata all'export, con quote che arrivano oltre il 70%.
Per maggiori informazioni: UCIMA

Macchine e sistemi per l'automazione
La produzione è presente in tutta la regione soprattutto a Piacenza. Circa il 14% della produzione nazionale proviene dall'Emilia-Romagna.
Per maggiori informazioni: UCIMU

Macchine e impianti per l'industria alimentare
Lo sviluppo dell'agricoltura ha trainato in Emilia-Romagna la crescita della produzione di macchine per l'industria alimentare. Il distretto principale - detto "food valley" - è quello di Parma e della sua provincia, dove ci sono circa 1/3 delle imprese italiane che producono macchine per l'industria delle conserve vegetali, della lavorazione delle carni, lattiero-casearia ed enologica.
Per maggiori informazioni: ANIMA

Macchine per la lavorazione del legno
La produzione di macchine per la lavorazione del legno è concentrata soprattutto a Carpi (Modena) e a Rimini, dove sono presenti circa i 2/3 delle imprese. Complessivamente il comparto in Emilia-Romagna dà lavoro a circa 3.000 dipendenti, ed è al primo posto in Italia per produzione, in gran parte esportata, per il numero di addetti e per il fatturato, e segue la Lombardia per il numero di aziende.
Per maggiori informazioni: ACIMALL

Macchine per l'industria ceramica
In Emilia-Romagna, principale produttrice nazionale di piastrelle, è concentrato il 60% delle imprese che producono macchine per l'industria ceramica, e circa il 50% dei lavoratori. I due maggiori poli produttivi sono Imola e il distretto Sassuolo-Scandiano, che realizzano circa il 90% della produzione nazionale.
Per maggiori informazioni: ACIMAC

 

Elettro-elettronica

Il comparto, costituito per lo più da imprese di piccole e medie dimensioni, comprende le aziende produttrici di macchine e apparecchi elettrici, radio televisivi e per le comunicazioni e i loro componenti. È diffuso in tutto il territorio regionale e occupa circa 26.000 addetti.
Per maggiori informazioni: ANIE
Per maggiori informazioni: ASSINFORM

 

Motori e autoveicoli

Il comparto è concentrato nell'area tra Bologna e Modena e si caratterizza per la presenza di aziende di rilevanza internazionale con marchi prestigiosi. Vi è poi un vastissima rete di imprese dei componenti, anch'esse ad alta specializzazione.
Per maggiori informazioni: ANCMA
Per maggiori informazioni: ANFIA

 

Alimentare

L'industria alimentare, diffusa in tutta la regione, è particolarmente concentrata soprattutto nella provincia di Parma. Rappresenta uno dei punti di forza dell'economia emiliano-romagnola, con circa 8.500 aziende e 60.000 addetti.

Per maggiori informazioni: Federalimentare

 

Ceramica

Circa il 90% della produzione nazionale dell'industria ceramica è concentrata in Emilia-Romagna tra le province di Modena e Reggio Emilia, in particolare nel distretto di Sassuolo-Scandiano, che è leader mondiale nella produzione di ceramiche e piastrelle. Le imprese della regione sfornano ogni anno oltre 632 milioni di metri quadrati di piastrelle ed esportano circa il 70% della produzione.
Per maggiori informazioni: Assopiastrelle

 

Sistema moda

Abbigliamento
Nell'industria della moda in Emilia-Romagna operano circa 10.000 imprese, con un totale di oltre 69.000 addetti. La concentrazione maggiore si trova nelle province di Reggio Emilia, Bologna e soprattutto a Carpi, in provincia di Modena. Il comparto nel 2001 ha esportato circa il 25% della propria produzione.
Per maggiori informazioni: Sistema Moda Italia

Calzature
L'industria delle calzature si concentra soprattutto nella provincia di Forlì-Cesena, in particolare nel distretto di San Mauro Pascoli, a Bologna e a Rimini. Il 90% delle aziende ha meno di 50 dipendenti. Circa il 30% della produzione è rivolto ai mercati esteri.
Per maggiori informazioni: ANCI

 

Chimica

La fabbricazione di prodotti chimici conta circa 650 aziende e quasi 15.000 addetti. Le principali realtà sono concentrate a Ravenna e Ferrara: la prima produce gomme sintetiche, elastomeri e fertilizzanti, la seconda materie plastiche, polimeri, fertilizzanti e vernici.
Il comparto chimico nel 2001 ha destinato all'estero circa il 30% della propria produzione.
Per maggiori informazioni: Federchimica